Le cinque buone abitudini che fanno guadagnare almeno 12 anni di vita

0
555

SE RIUSCITE A NON FUMARE, a bere poco, a mantenete il peso sotto controllo, a fare costantemente esercizio fisico e a seguire una dieta equilibrata  la vostra vita potrebbe allungarsi di 14 anni se siete donne e di 12 anni se siete uomini. Detta così sembra una promessa da imbonitore perché oltre un decennio di vita non è poco, invece è il risultato di una analisi condotta alla Harvard Chan School of Public Health su un campione di oltre 100mila uomini e donne e su un periodo di circa 30 anni. E non finisce qui, gli autori della ricerca, pubblicata su Circulation la rivista dei cardiologi americani, sostengono che le donne e gli uomini che adottano stili di vita sani possono contare rispettivamente  sull’82% in meno di probabilità di morire per patologie cardiovascolari e sul 65% di cancro rispetto a quelli che bevono, fumano, mangiano troppo e male e si muovono troppo poco.

• LO STUDIO
Concentrandosi sui 5 fattori di lunga vita – niente fumo, indice di massa corporea tra  18,5 e 24,9,  almeno 30 minuti al giorno di attività fisica, moderato consumo di alcol (massimo un bicchiere di vino al giorno per le donne e due bicchieri per gli uomini), alimentazione  salutare – i ricercatori di Harvard hanno esaminato 34 e 27 anni di dati su mortalità e storia clinica relativi rispettivamente a 78.865 donne e 44.354 uomini raccolti dal Nurses’ Health Study  e dall’Health Professionals Follow-up Study.  Il risultato? Chi non adottava nessune delle cinque regole di vita sana, all’età di 50 anni poteva contare su 29 anni di vita se donna, su 25,5 se uomo. Chi invece seguiva tutte le cinque regole del basso rischio poteva aspirare a 43,1 anni se donna e a 37,6 se uomo. Che fanno 14 e 12 anni di vita in più rispettivambete per i due sessi.

In 30 anni i virtuosi al massimo grado (quelli che rispettavano tutte le regole) hanno avuto il 74% di probabilità in meno di morire rispetto alle loro controparti, cioè i viziosi al massimo grado (quelli che i regole non ne rispettavano nessuna: i fumatori-bevitori-pigri -mangiatori eccessivi …).

• DOSE-RISPOSTA
Ma come nella vita non ci sono solo gli estremi, così accade anche nelle aspettative di vita e nei fattori che le influenzano: tra comportamenti sani e riduzione del rischio di morte precoce è stata infatti riscontrata  una relazione di tipo dose-risposta (in pratica più buone regole si seguono più la vita si accorcia) ed è risultato che la sopravvivenza più lunga corrisponde  alla combinazione di tutte le buone regole.

“Questo studio sottolinea l’importanza di seguire abitudini di vita sane per migliorare la longevità – spiega Frank Hu, presidente del Dipartimento di nutrizione alla Harvard Chan School e autore principale dello studio. Tuttavia l’aderenza a uno stile di vita sano è molto bassa, quindi le politiche pubbliche dovrebbero concentrarsi di più sul sostegno e la promozione  di un’alimentazione e di stili di vita sani”.

• L’ITALIA
Va detto che Hu e lo studio di cui stiamo parlando si riferisce agli Stati Uniti, un paese che nel 2015 era al 31° posto nel mondo per l’aspettativa di vita media, pari a 79,3 anni, tra le più brevi dei paesi ad alto reddito.  Breve, ma non molto di più di quella misurata in alcune regioni italiane però: in Campania per esempio,  dove gli uomini vivono mediamente 78,9 anni e le donne 83,3 secondo i dati diffusi solo qualche settimana fa dall’Osservatorio Nazionale della Salute nelle Regioni Italiane. Dal quale spicca un paese, il nostro, diviso in due, oltre che per tutto il resto anche per la durata della vita.

Fonte: http://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2018/05/03/news/le_cinque_buone_abitudini_che_fanno_guadagnare_almeno_12_anni_di_vita-195392536/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here