L’irritazione di Mattarella verso Salvini e Di Maio: inammissibili diktat a premier e presidente

0
714
Italian President Sergio Mattarella reacts during his joint press conference with Finnish President Sauli Niinisto (not pictured) at the Presidential Palace in Helsinki, Finland September 27, 2017. President Mattarella is in Finland on a state visit to discuss political and economic relations between Finland and Italy as well as other current questions with President Niinisto and among a larger group. Jussi Nukari/Lehtikuva/via REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE WAS PROVIDED BY A THIRD PARTY. NO THIRD PARTY SALES. NOT FOR USE BY REUTERS THIRD PARTY DISTRIBUTORS. FINLAND OUT.

ROMA – Sergio Mattarella irritato con Matteo Salvini e Luigi Di Maio per le loro incursioni sulla scelta dei nomi dei ministri.  Secondo quanto riferito “al Quirinale stanno attendendo i risultati delle consultazioni di Giuseppe Conte dopo l’incontro di ieri” ma, alla domanda se esistano veti presidenziali su alcuni ministri, al Quirinale si risponde che “il tema all’ordine del giorno non è quello di presunti veti ma, al contrario, quello dell’inammissibilità di diktat nei confronti del presidente del Consiglio e del presidente della Repubblica nell’esercizio delle funzioni che la Costituzione attribuisce a tutti due”.

A scatenare l’ira del Colle è stata probabilmente la blindatura reiterata che sia Salvini che Di Maio hanno fatto, a partire da ieri sera, sul nome di Paolo Savona indicato a più riprese come ministro dell’Economia. Un atteggiamento che il presidente vive come un’interferenza nelle funzioni che la Costituzione attribuisce al presidente della Repubblica e al presidente del Consiglio.

Sulla scelta dei ministri la Costituzione prevede suggerimenti condivisi tra presidente del Consiglio e presidente della Repubblica. La preoccupazione del Colle è che si stia cercando di limitare l’autonomia del presidente del Consiglio incaricato e, di conseguenza, del presidente della Repubblica nell’esercizio delle loro prerogative. L’articolo 92 della Costituzione, tra le altre cose, recita: “il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri”.

Anche sull’argomento migranti, seppure a distanza, Salvini e Mattarella hanno detto parole molto diverse:  “Gli sbarchi sono diminuiti ma non basta: occorre aumentare le espulsioni, troppo poche 7mila in un anno” ha scandito in diretta Fb come in campagna elettorale Matteo Salvini, e ha aggiunto “andando avanti di questo passo ci mettiamo un secolo a mandar via tutti i clandestini attualmente presenti”. Il presidente Mattarella ha viceversa insistito che occorre che “la gestione dossier migranti sia responsabile, è un fenomeno di portata storica che va governato da Africa ed Europa insieme, con lungimiranza e spirito di responsabilità e ci ha visto finora in prima linea a sostegno di un approccio volto a sconfiggere le cause profonde di questa tragedia e a tutela della vita e della dignità dei migranti”, parlando in occasione del 55/o anniversario dell’Unione Africana.

A scatenare l’ira del Colle è stata probabilmente la blindatura reiterata che sia Salvini che Di Maio hanno fatto, a partire da ieri sera, sul nome di Paolo Savona indicato a più riprese come ministro dell’Economia. Un atteggiamento che il presidente vive come un’interferenza nelle funzioni che la Costituzione attribuisce al presidente della Repubblica e al presidente del Consiglio.

Sulla scelta dei ministri la Costituzione prevede suggerimenti condivisi tra presidente del Consiglio e presidente della Repubblica. La preoccupazione del Colle è che si stia cercando di limitare l’autonomia del presidente del Consiglio incaricato e, di conseguenza, del presidente della Repubblica nell’esercizio delle loro prerogative. L’articolo 92 della Costituzione, tra le altre cose, recita: “il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri”.

Anche sull’argomento migranti, seppure a distanza, Salvini e Mattarella hanno detto parole molto diverse:  “Gli sbarchi sono diminuiti ma non basta: occorre aumentare le espulsioni, troppo poche 7mila in un anno” ha scandito in diretta Fb come in campagna elettorale Matteo Salvini, e ha aggiunto “andando avanti di questo passo ci mettiamo un secolo a mandar via tutti i clandestini attualmente presenti”. Il presidente Mattarella ha viceversa insistito che occorre che “la gestione dossier migranti sia responsabile, è un fenomeno di portata storica che va governato da Africa ed Europa insieme, con lungimiranza e spirito di responsabilità e ci ha visto finora in prima linea a sostegno di un approccio volto a sconfiggere le cause profonde di questa tragedia e a tutela della vita e della dignità dei migranti”, parlando in occasione del 55/o anniversario dell’Unione Africana.

fonte: http://www.repubblica.it/politica/2018/05/24/news/il_quirinale_tema_non_sono_presunti_veti_ma_inammissibilita_diktat_a_premier_e_presidente_-197257219/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T1

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here