L’artrosi del ginocchio

0
254

Il Dott. Marco Bove, Specialista in ortopedia e Traumatologia, ci illustra le ultime frontiere in ortopedia  

L’artrosi del ginocchio, patologia degenerativa invalidante che interessa le cartilagini femorali  e tibiali, è presente dal quarantesimo anno di età e nella quasi totalità dei settantenni, con un picco di massima incidenza fra i 75 ed i 79 anni.

Dott. Marco Bove, come viene trattata oggi questa patologia?

Il trattamento conservativo trova indicazione in caso di artrosi lieve – moderata e si basa sul combinare i metodi preventivi (perdita di peso-attività fisica) con farmaci antidolorifici, fisioterapia ed infiltrazioni. In presenza di una artrosi resistente a tali trattamenti l’indicazione è, invece, prettamente chirurgica. In questo caso la sostituzione dell’articolazione può essere parziale o Totale. Nel primo caso, la protesi Mono compartimentale, ci permette di sostituire solo la parte danneggiata preservando le strutture ossee e legamentose integre degli altri comparti, consentendo cosi di avere un intervento meno invasivo, e un recupero funzionale più veloce con l’ulteriore vantaggio, in casi di usura, di poterla sostituire con una protesi totale. Dove non trova indicazione la monocompartimentale (crociati lesionati degenerazione in due o più comparti), l’indicazione è la Protesi Totale.

L’intervento oggi di protesi totale è sempre più a dimensione di paziente? E Quale decorso?

Assolutamente sì. L’utilizzo di strumentari più accurati e una chirurgia attenta alla minore invasività, al ridurre al minimo i sanguinamenti e al controllare il dolore, ci hanno consentito nella Totale di non utilizzare drenaggi e cateteri, non eseguire trasfusioni post-intervento ed eseguire anestesie meno invasive per quantità e procedure, permettendoci cosi di poter verticalizzare il paziente  4-6 ore dopo l’intervento,  di piegare attivamente il ginocchio fino a 90 gradi e di deambulare nel corridoio con carico completo assistito con  due stampelle. Raggiungendo tali obiettivi, il recupero sarà facilitato ma ancor più importante, il paziente potrà tornare a casa dopo 3 giorni dove, eseguendo 4-6 sedute di fisioterapia nel mese, sarà in grado di recuperare completamente la funzionalità del  ginocchio.

Per maggiori info: 

www. dottbovemarco.it 

marcobove78@yahoo.it

Tel. 3332570307

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here