Una passione nata da giovane, tra gli anni Ottanta e Novanta, e che ha coltivato giorno dopo giorno fino ad arrivare ad essere considerato uno degli hair-stylist più rinomati della Campania. Quando racconta l’esordio della sua storia professionale, sul viso di Massimo Desiderio compare un tenero sorriso, ripensando a quel giovane ragazzo che per realizzare il suo sogno si è servito di una della sue più grandi risorse, la creatività e la capacità di re-inventarsi!

di Roberta Imbimbo

Massimo Desiderio, ci racconti la sua storia. Com’è nata la passione per questo lavoro?

E’ una passione che ho coltivato sin da ragazzo. Ma è solo negli anni ’80 che ho realizzato che avrei voluto fare di questa passione la mia professione! Da allora giorno dopo giorno ho costruito la strada che mi ha portato fin dove sono arrivato oggi, e chissà dove ancora mi porterà! Faccio riferimento alla moda di quegli anni perché’ erano quelli durante i quali, in maniera forte e decisa, avanzavano le nuove tendenze: erano gli anni degli eccessi stravaganti, delle permanenti e delle acconciature voluminose, dei capelli super cotonati… l’hairstyling stava imponendosi sempre di più ed ancora oggi la moda si serve di quel periodo per creare nuove idee, rielaborandole in chiave moderna.  Da allora mi sono impegnato affinché il mio bagaglio professionale potesse arricchirsi sempre di più: ho frequentato una della più prestigiose accademie di Napoli, per  continuare successivamente la mia formazione a Londra presso la Scuola di Vidal Sassoon – un hairstylist che ha rivoluzionato il look della donna dei tempi moderni e a cui mi sono ispirato per sviluppare le mie capacità tecniche e artistiche. Per scoprire come la moda si stava evolvendo nel mondo, ho viaggiato tra Londra e New York, e rientrato in Italia, in Campania per la precisione, ho voluto mettere in pratica tutto quanto avevo osservato ed appreso; nel 1996 ho deciso quindi di aprire il mio primo Salone, nel 2008 invece ho fondato il mio brand Massimo Hair Philosophy, che ha trovato la sua piena realizzazione nel Salone in cui tutt’oggi opero, sito in Castellammare di Stabia (Na).

Qual è stata la chiave del suo successo di oggi?

Credo che la chiave del mio successo sia stata la voglia di mettermi continuamente in gioco, di reinventarmi con la creatività che caratterizza un artigiano vero e proprio, come piace definirmi. Anche quando ero agli esordi della mia carriera, ed avevo necessità di pubblicizzarmi, è stata la ricerca attiva di idee non scontate che mi ha consentito di creare nuove opportunità. Un’estate di tanti anni fa ho avuto l’intuizione di offrire le mie competenze presso un Lido di Vico Equense, il Bikini: l’idea fu quella di tagliare i capelli gratis a tutta la spiaggia, grandi e piccini, per l’intera stagione estiva. Quell’esperienza mi ha consentito di promuovere il mio brand, e la mia idea di Hairstyling, ricevendo sempre di più il consenso dei clienti, che ad oggi, riempiono le mie giornate ed il mio salone. Un altro punto di forza del mio percorso è l’aver valorizzato sempre la formazione dei più giovani, dei miei dipendenti, e mia in primis. Ho quindi iniziato a  trasmettere tutto il mio sapere alle nuove generazioni, sia creando l’Hair Philosophy School – una Scuola preparatoria e di accelerazione di competenze – sia insegnando presso l’autorevole Accademia di Liliana Paduano, diventando in poco tempo un formatore molto conosciuto ed apprezzato nel settore. I giovani devono essere spronati  ad accendere il proprio sguardo sul mondo in modo unico ed originale: compito delle generazioni più mature dovrebbe essere quello di consentire ad essi di poterlo fare nel modo migliore, insegnando loro che solo mettendosi in gioco potranno arrivare molto lontano.

Basti pensare che ancora oggi la mia curiosità è motore vivo del mia professionalità: il mio Salone infatti potrebbe essere paragonato ad un vero e proprio laboratorio. Da qualche anno infatti è iniziata una nuova “sfida” ossia la ricerca nell’ambito delle erbe tintorie e dei prodotti naturali, da inserire totalmente nella gamma di prodotti utilizzati nel mio Salone. Mi occupo di esplorare proprietà e caratteristiche di ognuna delle materie prime che utilizzo, come ad esempio la Lawsonia Inermis proveniente da Egitto, India, Iran e Yemen o l’Indigo proveniente dall’Iran, altre importanti componenti naturali come Curcuma, Rosmarino, Camomilla inventando nuove miscele che possano rendere unico ogni trattamento proposto alle clienti, costruendo ad hoc per ognuno di loro, un progetto di benessere, che va dalla cura del capello alla cura della bellezza, attingendo da ciò che l’ambiente in modo naturale ha da offrirci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here