Graded, un’impresa all’avanguardia che brilla sul mercato nazionale ed internazionale

0
195

Nata il 2 agosto del 1958 per volontà dell’imprenditore napoletano Lucio Grassi, oggi alla seconda generazione, Graded S.P.A.  è una Energy Service Company (ESCo) che opera, in Italia e all’estero, nel campo della progettazione, realizzazione e gestione di soluzioni energetiche integrate ad alta efficienza, destinate al settore pubblico e privato. In questa lunga intervista Vito Grassi, AD della società nonché vicepresidente di Confindustria nazionale e numero uno del Consiglio delle Rappresentanze Regionali a Viale dell’Astronomia, evidenzia i punti di forza di una realtà moderna e all’avanguardia, proiettata  alla trasformazione digitale, all’internazionalizzazione e alla sostenibilità sociale ed ambientale.

 

di Roberta Imbimbo

Dott. Grassi, ci racconti un po’ la storia di Graded. Con quale mission è nata la società fondata da suo padre e come si è evoluta nel tempo la sua attività core?

Nata nel lontano 1958 come ditta individuale che si occupava prevalentemente di installazione di impianti di riscaldamento, grazie al lavoro lungimirante di mio padre Lucio e di mia mamma Maria Rosaria de Donato (il nome Graded nasce dagli acronimi dei loro cognomi), la società (dal 1998 S.P.A.) ha conosciuto una crescita esponenziale durante il boom economico del secondo dopoguerra. Negli anni d’oro della ricostruzione, infatti, il patrimonio edilizio in Italia aumentò vertiginosamente per rispondere ad una esigenza sociale molto sentita, ovvero quella della ricostruzione delle città devastate dagli eventi bellici, e alla conseguente pressante domanda di abitazioni. L’urgenza di ricostruire e dare un tetto a migliaia di famiglie sfollate portò con sé l’esigenza di costruire numerosi impianti di riscaldamento, per lo più centralizzati. Grazie alla felice intuizione di mio padre, Graded non si è, però, limitata alla sola costruzione di impianti, occupandosi anche della loro gestione. La scelta di ampliare il proprio perimetro di competenza effettuando manutenzione preventiva e correttiva, ha consentito alla nostra azienda di costruire un DNA altamente specialistico in tutti i settori in cui opera (industriale, sanitario e residenziale), e di distinguersi in modo netto dai numerosi competitor (a differenza dell’attività di mera costruzione, i servizi di manutenzione garantiscono, infatti, continuità di fatturato e fidelizzazione dei clienti). Nel tempo la società ha ulteriormente allargato il suo core business ad altre attività strategiche e ad altri settori, quali aerospazio ed agroindustria. Oggi Graded è una Energy Service Company (ESCo) accreditata che si occupa  della progettazione, realizzazione, gestione e manutenzione di soluzioni energetiche integrate di altissima efficienza – da fonti tradizionali e rinnovabili – nel settore pubblico e privato.

Quali peculiarità vi contraddistinguono dai competitor? Quali sono i vostri punti di forza?

Una consolidata esperienza nel settore delle energie rinnovabili, continui ed ingenti investimenti in R&S, una vision strategica orientata all’innovazione tecnologica, alla digital transformation e all’internazionalizzazione (dal 2013 Graded è cresciuta molto anche in termini di espansione territoriale, costruendo i primi impianti fotovoltaici all’estero), ci hanno consentito non solo di affermare la nostra leadership in un mercato fortemente competitivo e sotto la lente di ingrandimento (è infatti il cuore della transizione energetica), ma anche di aggredire con successo nuovi segmenti di prima fascia e di matrice multinazionale, diversificando l’attività in mercati ancora poco esplorati come quelli dell’Agroindustria, dell’Aerospazio e tutte le derivazioni della PA. Un altro nostro vantaggio competitivo è rappresentato dall’approccio strategico alla gestione d’impresa: grazie alla scelta di armonizzare gli obiettivi di crescita economica con politiche sociali ed ambientali – coniugando quindi innovazione, produttività, competitività e rispetto dell’ambiente – nel tempo siamo riusciti a riorganizzare la nostra attività produttiva secondo i paradigmi dell’industria 4.0, per essere sempre più orientati alla digitalizzazione, all’efficienza produttiva ed energetica, alla sostenibilità ambientale (limitando le emissioni di C02 in atmosfera) e all’economia circolare. Per riuscire in questo obiettivo prioritario, sin dall’inizio abbiamo puntato su un modello di business innovativo. Abbiamo siglato partnership consolidate con Università  italiane ed estere creando una sinergia inedita e funzionale. Da oltre due anni siamo entrati nel Global Compact delle Nazioni Unite, organismo che raccoglie più di 18mila aziende di ogni settore e dimensione provenienti da oltre 160 Paesi del mondo, la cui mission è proprio quella di sostenere e stimolare le aziende partecipanti a rispettare ed incorporare i Dieci principi del Patto Globale delle Nazioni Unite in tema di diritti umani, standard lavorativi, tutela dell’ambiente e lotta alla corruzione (le aziende devono dichiarare i propri obiettivi di sviluppo sostenibile e a fine anno rendicontare i traguardi raggiunti). Grazie ad una precisa responsabilità sociale ed ambientale di impresa, Graded ha guadagnato una posizione di tutto rilievo nell’elenco dei Leader della sostenibilità 2021, speciale classifica elaborata da Sole 24 Ore e Statista.

Oggi dunque lo sviluppo sostenibile non è più un’opzione, ma è l’unica strada percorribile. Quanto è importante per voi il tema della transizione energetica?

E’ per noi un obiettivo prioritario! In linea con il Green Deal Europeo – un  programma molto ambizioso promosso e portato avanti con impegno dalla Commissione Europea guidata da Ursula Von Der Leyen, che mira a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050 – ci siamo sempre impegnati a promuovere una più ampia e rapida diffusione delle tecnologie rinnovabili, il cui utilizzo assicura un basso impatto ambientale in termini di inquinamento, un grado di efficienza maggiore rispetto ai combustibili fossili facendo leva anche sulla trasformazione digitale, nonchè – e non certo ultima per importanza come la storia ci sta insegnando – una prospettiva di sicurezza di approvvigionamento. Da oltre tre anni facciamo parte dell’IRENA Coalition for Action, rete creata nel 2014 dall’Agenzia Internazionale per le energie rinnovabili assieme a 35 operatori del settore di tutto il mondo. Un organismo che oggi riunisce oltre 130 importanti attori del comparto energia e la cui mission è stimolare un dialogo globale finalizzato a ricercare le strategie migliori per aumentare la quota di fonti sostenibili nel mix energetico globale.

Quanto è importante per voi il capitale umano?

E’ prioritario! Graded è una realtà che scommette molto sui giovani (ai quali garantisce interessanti prospettive di crescita professionale all’interno di un ambiente di lavoro sano e stimolante) e punta costantemente sulla loro formazione. La digitalizzazione sempre più spinta impone, infatti, un continuo ampliamento/aggiornamento delle conoscenze e competenze: rispetto al passato, oggi bisogna essere pronti a continue e frequenti evoluzioni di mercato e sviluppare una maggiore capacità non solo di adattamento, ma anche di anticipazione proattiva dei trend futuri. La passione, la competenza e la determinazione delle persone che lavorano con noi sono tutti ingredienti che si traducono in un inestimabile valore aggiunto al servizio dei nostri clienti, ai quali siamo in grado di offrire per ogni circostanza la soluzione giusta, flessibile e sostenibile, già pronta ad evolvere.

Tanti i traguardi raggiunti in tutti questi anni di attività. Obiettivi futuri?

Recitare un ruolo sempre più da protagonisti in alcuni settori strategici, portando, ad esempio, le Amministrazioni Pubbliche allo stesso livello di efficienza e sviluppo sostenibile dei privati,  mettendo sempre in primo piano la tutela dell’ambiente e la valorizzazione dei territori.

 

 

Per maggiori info (https://graded.it)